venerdì 7 settembre 2012

RISOTTO ALLA GAETANA

Si tratta di un tipico piatto della cucina laziale,
o meglio della città costiera di Gaeta.
Nata come un piccolo borgo di marinai esperti nella pesca del polpo verace, Gaeta, che cucinavano il polpo 
in modo semplice e gustoso. 
E' una preparazione che rende il polpo tenerissimo e saporito grazie alla presenza di capperi, delle olive e dei pomodorini.
Quasi indispensabile la presenza delle olive marroni di Gaeta, 
un oliva marrone scura,carnosa, 
il cui osso si snocciola facilmente.




Ingredienti per 4 persone:
-  500.gr. di riso Carnaroli
-  1 polpo da 1 kg.
-  capperi
- olive di Gaeta
- 500 gr. di pelati
-  1 bicchiere di vino bianco secco
-  brodo vegetale.
- prezzemolo
-  aglio olio pepe.

Preparazione della ricetta:
Pulire il polpo sotto l'acqua corrente e con le forbici togliere le ventose più grosse.
In una pentola che contenga il polpo, fare rosolare in olio, l'aglio e toglierlo subito. Mettere il polpo con li tentacoli  in giù, rosolare per pochi minuti e sfumare con del vino bianco secco.
Quando il vino è sfumato, versarci i pelati tagliati grossolanamente e coprire il polpo con dell'acqua.
Salare e pepare, dopo circa mezz'ora aggiungiamo i capperi e le olive di Gaeta intere. Lasciare cuocere a fuoco moderato con il coperchio. Dopo circa 45 minuti con una punta di coltello assicuratevi che il polpo sia cotto. Spegnete e lasciate raffreddare il polpo nel suo sugo, più tempo che potete.
Tagliare il polipo a pezzi lasciando interi dei tentacoli pe la decorazione finale.
Ora prepariamo il riso.
In una pentola larga, con poco olio facciamo imbiondire una cipolla che poi verrà tolta.
Versiamo il riso e facciamolo tostare, mescolare perchè non si attacchi, versare mezzo bicchiere di vino bianco e farlo sfumare.
Iniziamo ad aggiungere il brodo vegetale a mestoli e mescolare, a metà cottura mettiamo il polpo con il suo sugo, e portarlo a cottura aggiungendo piano piano il brodo caldissimo. 
Tenerlo leggermente al dente e lasciarlo riposare alcuni minuti.
Impiattare il riso  e servirlo con un abbondate manciata di prezzemolo tritato, del pepe macinato e i tentacoli.


Tempo indicativo di preparazione:45 minuti
Tempo indicativo per la cottura: 20minuti
Tempo totale della ricetta: 65 minuti




Dalla tipica colorazione violacea e dalla caratteristica forma ovale le olive di Gaeta, conosciute anche con il nome di Itrana del Lazio, presentano una polpa mediamente carnosa ed un gusto tipico tendente all’amarognolo con un leggero sentore salato. Queste olive vengono raccolte ad inizio primavera nel pieno della maturazione e sono talmente apprezzate da essere eccellente accompagnamento in vari piatti e utilizzi secondo le ricette tradizionali della gastronomia del nostro Paese. Ecco quindi che le olive di Gaeta sono apprezzate come stuzzichino, come ingrediente di insalate, pasta, sughi, piatti di pesce e di cacciagione. La versatilità che contraddistingue questa oliva le ha fatto guadagnare l’appellativo di “Regina” delle olive.

3 commenti:

  1. Un risotto ricco di tanti sapori ben abbinati. Ciao.

    RispondiElimina
  2. Questo risotto ha il sapore del Mediterraneo

    RispondiElimina
  3. Conosco questo risotto e ammetto che è di un buono... e tu lo hai preparato magistralmente!! Claudio, levetechemelomagnoio!!! Buona domenica!

    RispondiElimina